martedì 28 maggio 2013

Perchè un Safari


Perché un Safari?

Perché se ami gli animali non puoi pensare di morire senza aver visto questo.
 

 

Perché potresti non trovare mai un’altra  immagine che spieghi meglio l’amore materno.
 
 
 

Perché hai la netta percezione che ci sia davvero un posto sulla terra dove tutto è cominciato.
 
 
 
 

E l’odore della terra, il colore del tramonto trasudano vita e morte insieme. E vibrano emozioni, carnali e ancestrali.
 
 

Perché la vita di una savana è spietata e meravigliosa, perpetua, perenne.
 

E porterai sempre nel cuore questo
 
 

 

E questo
 

E non dimenticherai mai alcuni sorrisi.
 

Perché ti rendi conto che dall’altra parte del mondo qualcuno non diverso da te crede nelle stesse cose in cui credi tu, solo  lo scrive su un tronco di albero.
 

“Its better to complete a small project than to leave a big one half done”
Le foto sono di mio marito, i luoghi, della terra del Kenya e del Sud Africa, l'anima la mia, i sogni di tutti.

28 commenti:

  1. Meraviglia!!! Mi sono persa nelle immagini e nelle tue parole......
    Grazie Raffaella, era quello di cui avevo bisogno dopo l'ennessimo giorno di pioggia!! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Pat, non se ne può più di questo tempaccio. Abbiamo tutti bisogno di sole.
      Un bacio

      Elimina
  2. Ma che bello !! Oggi leggo tutti post belli...mi risollevate il morale!

    RispondiElimina
  3. Oddio che bellissimo viaggio Raffaella...un sogno! E' un po' di tempo che vorrei fare un vero viaggio in Africa, chissà che un giorno ci riesca! Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che lo farai, e ci scriveri su parole meravigliose.

      Elimina
  4. Oh mamma che meraviglia, quanto mi piacerebbe fare un viaggio così. Sogno l'Africa da una vita.
    Un bacio Raffaella e grazie per il tuo commento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credimi se ti dico che si può fare e molto meno impegnativo di quanto non si creda.

      Elimina
  5. Bellissimo il post, le foto e il viaggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta e grazie ate di essere qui.

      Elimina
  6. in viaggio di nozze siamo stati in Sud Africa.... tornassimo altre 500 volte a sposarci non ho dubbio che io e mio marito sceglieremmo sempre lo stesso viaggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche noi. Non scorderò mai il Sudafrica, mai.

      Elimina
  7. Che meraviglia! Giusto ieri mi sono messa in cerca di informazioni per un futuro viaggio, quando Elisa avrà 6-7 anni... non c'è niente di meglio secondo me :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si devono fare la profilassi antimalarica che è sconsigliatta se sono piccoli.

      Elimina
    2. Poi devono essere in grado di tollerare i lunghi spostamenti su piste sterrate, il caldo, ma soprattutto di obbedire senza discutere. C'è un certo grado di pericolosità in ogni safari e se il tuo accompagnatore ti indica un comportamento da tenere il bimbo deve essere abbastanza grande per capire e adeguarsi.

      Elimina
  8. Wow! Le foto sono stupende e non oso immaginare quanto lo sia stato questo viaggio. Il Safari è uno dei miei sogni nel cassetto :). Meraviglia :)

    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fallo ora che poi con la panza non puoi. Perché la panza arriva presto.

      Elimina
  9. Bellissimo post, mi ha riportato al safari fatto in Tanziania nel 2007! Ci sono immagini che sono impresse nella mia retina per sempre, come la giraffa con il suo cucciolo che si stagliavano sullo sfondo di alba della savana!

    RispondiElimina
  10. Che belle foto! !
    Qual era il parco in Kenya?
    Le giraffe che corrono sono state una delle cose che più mi hanno lasciato a bocca aperta! !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tsavo e kruger. Il secondo forse più bello del primo

      Elimina
  11. La terra rossa dello Tsavo est? Quando guardo le foto del safari che abbiamo fatto nel 2008 mi scende sempre la lacrimuccia... Indimenticabile! Aspetteremo che il nano cresca, poi...

    RispondiElimina
  12. Che immagini meravigliose.
    E quanti perché. Ne basterebbe uno solo, per aver voglia di vivere questa esperienza, che per la cronaca mi manca!!
    Grazie.

    RispondiElimina
  13. Che meraviglia...
    Il coccodrillo non lo porterò sempre nel cuore però le altre immagini si..
    Non vorrei andarci. Non sento questa spinta nonostante l'ancestralità del posto mi faccia pensare a cose come "salute", "pace" e alla liminalità che si nasconde nei silenzi spaziosi che sembrano abitare quei posti. Quando però penso a una nuova vita, al bambino che si spera arriverà, lo immagino in posti reali come questo, appartenenti alla salute originaria della persona, quel tipo di salute, di "stare bene" che ti fa sentire cullato dai rumori degli alberi, dai passaggi degli uccelli e dai loro viaggi in gruppo.Come cullato da un grembo materno. Escluso il coccodrillo, ovvio.

    RispondiElimina
  14. accipicchia che foto meravigliose!
    dev'essere bellissimo vedere coi propri occhi tutto questo...
    passa da me c'è un premio per te!

    RispondiElimina
  15. Fotografie meravigliose ed esperienza magica!
    Parole che colpiscono al cuore, come sempre!

    RispondiElimina