giovedì 14 giugno 2012

Il mare che aspettavo (dedicato a chi aspetta ancora)


Il mare che aspettavo profuma di emozioni.

La luce delle fate si specchia nel cuore delle sirene e i cristalli che vedi sono i riccioli dei loro capelli. Dipende se c’è il sole o se piove. Se c’è sole diventano boccoli luminosi, se piove, la collera li trasforma in onde minacciose.

Ma oggi c’è il sole.

Il mare che aspettavo spruzza la gioia. Quella che si prova guardandoti sulla sua riva.

Cammini incerto verso la spiaggia, lungo la costa, lungo i pensieri.

Ci sei dentro quei pensieri, ogni minuto, ogni istante, ogni passo con o senza di te, a te continuamente mi riporta. Sempre e per sempre.

Ripercorrerei la stessa strada mille volte se solo servisse, a piedi nudi o sugli spilli, saltellando se necessario, qualunque cosa per raggiungerti di nuovo.
Il mare che aspettavo è avvolto da una strana luce. E’ una luce diversa da quella che illuminava timidamente i giorni di ieri. I giorni in cui l’assenza bruciava come fuoco uscito dalla bocca del drago. L’ha attraversato la tua mamma quel drago, passandoci in mezzo, dentro il bosco cadendo sui rovi. Fa niente. Ha raggiunto il mare.



Il mare che aspettavo ti ha nascosto. Eppure eri lì, eri la mia conchiglia.

Vedo le storie che contengono le bottiglie portate dal mare. Le storie dipinte sulle pareti di questo giorno speciale. Le storie sopra di chi cerca ancora, le storie sotto di chi si è arresa, le storie intorno di chi muore ogni giorno un po’e quelle che volano insieme ai gabbiani. Ad uno in particolare dal manto bianco e dagli occhi vivaci che risponde allo strano nome di Jonathan, Livingstone Jonathan.
Che fai, lo vedi anche tu? 

E’ un gabbiano dalle piume candide Jonathan che si esercita ad imparare a volare in modo perfetto. Si esercita tanto nel volo, giorno dopo giorno, finché un giorno muore e va oltre, in un luogo dove può volare più facilmente. Eppure, neanche lì è bravo come vorrebbe, nonostante tutto il cielo percorso, ha fatto solo un pezzetto di cammino verso la perfezione. Per anni rimane a volare e volare, ma il suo corpo gli è ancora d’intralcio e non riesce a volare con la velocità del pensiero, a superare il “qui e ora”.

Ci riuscirà, in un modo o nell’altro, cozzando contro le rocce così violentemente da rimanerne tramortito, ma raggiungerà il suo pensiero.

Non sempre riuscirai a raggiungerli i pensieri ma quelli che non riuscirai a sfiorare non avranno per questo motivo meno valore di quelli toccati. Quello che resti a pensare diventerà comunque una parte di te, diventerà te. Come un braccio, una gamba, un dito. 
 Perla della propria conchiglia.


E’ ora di andare adesso, di salutare questo mare tanto atteso, chiudere gli occhi e augurare buon viaggio a chi cerca ancora.

14 commenti:

  1. Oh che bellissimo dorato!!

    Grazie per il tuo commento, faro' tesoro delle tue parole: eh si, mai smettere di comunicare, giorno dopo giorno...

    Ilaria ((.)) (non e' una tetta, e' un abbraccio, anche se non so se si capisce...)

    RispondiElimina
  2. Grazie a voi. Se solo riuscissi a darvi anche un briciolo di speranza, un attimo di tregua e rafforzare il vostro sogno...

    RispondiElimina
  3. grazie per queste belle parole di speranza.
    tuo figlio è bellissimo!

    RispondiElimina
  4. Il tuo bambino è incantevole e le tue parole sono come musica, come il canto del mare!

    RispondiElimina
  5. Ciao Raffaella, arrivo qui dal blog di Frida.
    Grazie per questo post!Hai un bellissimo bimbo..spero di riuscire ad avere la tua stessa forza e tenacia. Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Raffaella che bel modo di augurarci buon viaggio. Così intenso e poetico, così pieno di speranza. E' tutto lì, in quel musetto, in quelle manine. Nel cerchio perfetto del vostro abbraccio.
    Grazie di cuore Conchiglia con la Perla :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Nina, per quello che fai per tutte. Ci sono per tutte, anche io.
      Vi abraccio

      Elimina
  7. Splendida Perla e splendida famiglia :)

    RispondiElimina
  8. Hai il dono di una poesia senza pari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E voi mi rendete fiera di me.
      Raffaella

      Elimina
  9. Oh, beh. Credo che tu ed io abbiamo un po' di cose in comune. Di sicuro una grandissima botta di *ulo, un amore folle che fa scrivere parole altrimenti impossibili, speranza da distribuire a piene mani e lacrime calde che cadono senza preavviso. Tipo adesso, ecco.
    Ti ho detto che ti avrei contattato, lo faccio ora perché non ho resistito.
    Sentiamoci ancora.

    RispondiElimina
  10. Certo con una dedica così anche i momenti difficili sembrano meno difficili...Grazie! (P.S. Il tuo pupo è un amore!)

    RispondiElimina
  11. Piano piano sono arrivata fino qui.... Il mio viaggio speciale continua....grazie.

    RispondiElimina