lunedì 3 settembre 2012

La compagnia dei numeri secondi


Ieri, 2 Settembre, questa mia casa virtuale, poco sobria e piuttosto naif ha festeggiato i suoi primi quattro mesi. Quattro mesi, 7176 visite, cinquantasei persone che mi seguono e cinquecento commenti.
Per tanti questa potrebbe essere solo una sequenza di numeri senza un significato preciso.
Le blogger famose potrebbero sganasciarsi, sbellicandosi dalle risate davanti a tali quantità.
Ma io non rido. Io vado fiera dei miei numeri, un pò meno delle mie misure, ma questo è un altro discorso!
Nel “la solitudine dei numeri primi” i due ragazzi protagonisti del libro accomunati dalle stesse particolarità, attratti l'uno verso l'altra, destinati a non incontrarsi mai, perché divisi da un invalicabile ostacolo, sono paragonati a due numeri primi gemelli, numeri primi solitari ed isolati, ma vicinissimi fra loro. La loro solitudine, assale e paralizza.
I miei numeri non sono così. Non sono solitudine.
Sono compagnia, vicinanza e calore.
Sono amicizia.
Sono la compagnia dei numeri secondi, il senso del mio fare, un valore inestimabile.
La carezza che rinforza e da coraggio a quello che faccio a quella che sono.

Ho spalancato, forse sarebbe meglio dire divelto, le porte di questa mia casa con la veemenza di un’adolescente e l’impetuosità di un attacco. Vi ho cercato, voluto, strattonato, tirato e urlato per farmi sentire e farvi entrare.
Scusate.
Scusate se a volte ho gridato in maniera poco elegante, se ho appesantito la leggerezza di certi giorni, se mi avete trovato, troppo spesso a commentare i vostri post, se ho violato le norme base dell’educazione virtuale e non, entrando dentro cerchie di amicizie già formate, strette e unite da esperienze vissute prima di me.
Se vi ho abbracciato, schiacciandovi.
Se ho calpestato conchiglie, se ho riaperto ferite, fatto emergere sogni riposti.
Perdonatemi l’intrusione.
Del perché del mio blog già lo sapete, del perché della mia foga anche.
Combatterò con tutte le armi in mio possesso e finché avrò voce perché nessuno, nessuna donna, malgrado stronza senza rimedio e nessun uomo per quanto sgradevole o maschilista, non debba mai sentirsi finito/a e vinto/a perché diversamente fertile o unicamente differente.
Condividerò sempre il filo invisibile che tiene unito chiunque si senta diverso, geneticamente imperfetto o semplicemente atipico.
Spartirò quel senso d’infertilità che ci spinge a sentirci aridi e infecondi in tutto, che ci fa pensare di essere esseri brulli, vuoti, incapaci di dare, fino a  che le emozioni mi faranno vibrare e avrò parole nelle mani per raccontarlo.
Perché certe lotte le combatto per indole, alcune battaglie mi escono fuori come singhiozzi come se l’ingiustizia, la superficialità, la prepotenza, il torto, la mancanza di empatia mi contraesse lo stomaco, togliendomi il respiro.
Odio l’incapacità o il rifiuto di condividere i sentimenti o le sofferenze di qualunque natura, odio i giudizi morali, il perbenismo, i “vestiti” di certi sentimenti.
Come dico in “un cervello bislacco” http://mammamimmononsolo.blogspot.it/2012/07/un-cervello-bislacco.html siamo in tante a formare le ali di una farfalla soldatessa che, nonostante le cadute, continua a volare.
E siccome penso che nessuno sia in grado di volare senza il soffio altrui, l’aiuto dei venti o il dono inatteso delle parole regalate, io vi ringrazio tutte/i perché chiunque passa di qui alimentando il mio volo, mi da senso e attenua le mie malinconiche emozioni.
Grazie infinite.

 

 

 

 

 

24 commenti:

  1. Grazie a te, per quello che scrivi e per come lo scrivi. :-*

    RispondiElimina
  2. "...far emergere sogni riposti" è un talento. I nostri blog servono a questo, a mandarci una carezza, un po' di allegria, a volte un po' di rabbia riposta insieme ai sogni, anche se non ci conosciamo. Complimenti per come sei arrivata ai tuoi primi 4 mesi!!

    RispondiElimina
  3. Le tue parole sono poesia pura.
    E sono d'accordo con te, ognuno di noi alimenta il volo altrui, è uno dei motivi per cui siamo qui...

    RispondiElimina
  4. e poi ...."Nessuno si salva da solo".
    Un grande abbraccio.

    RispondiElimina
  5. I tuoi numeri valgono più di tanti altri! :-*

    RispondiElimina
  6. grazie a te Raffaella!
    e' un piacere averti conosciuto e condividere con te un po' del nostro tempo.

    RispondiElimina
  7. Non scusarti per il fatto che fai provare emozioni! Io ho imparato tanto da te in questi quattro mesi e ho provato molte emozioni: ho pianto, ho riso, ho riflettuto con te. E nessuna lacrima, nessun sorriso e nessun pensiero sono stati vani!
    Ti ho visto fare questo pezzo di strada sin dall'inizio e continuerò a seguirti!
    Continua così!

    RispondiElimina
  8. Grazie a te e buon settembre :-)))

    RispondiElimina
  9. Grazie a te, e ti auguro di crescere sempre di piu'!

    RispondiElimina
  10. quei numeri sono poca cosa, rispetto a come fai sentire bene chi si affaccia in questo posticino naif. sono solo l'inizio, son certa. e grazie per la BELLA compagnia

    RispondiElimina
  11. Buon complemese!!!
    Grazie a te per condividere le tue emozioni, i tuoi sentimenti e le tue parole.

    RispondiElimina
  12. a parte che me ne sono sempre stra fregata dei numeri, però secondo me tu in pochissimo tempo hai davvero bruciato le tappe. baci brava

    RispondiElimina
  13. grazie per scrivere tutto questo

    RispondiElimina
  14. Ci sono cose che non riescono a stare dentro, lo so bene, se poi riesci a farle uscire ben scritte come fai tu ... continua così.

    RispondiElimina
  15. a me semplicemente piaci molto.
    baci
    (se posso...)

    RispondiElimina
  16. Siete vicinanza, compagnia e calore. Siete amicizia e questa è un una delle avventure della mia vita che Daniele ha portato con se. Con il senno del poi certe esperienze e certi dolori assumono una forma diversa, danno senso al passato e ti rendi conto che forse dovevi vivere quello che hai vissuto perchè era così che doveva andare. Forse dovevi attraversare quella strada per arrivare dove sei o solo perchè è giusto trovarsi in un determinato punto ad un certo punto. Se non fossi arrivata qui, come ci sono arrivata, non vi avrei mai incontrato.
    Grazie a voi, infinitamente.

    RispondiElimina
  17. ahhhhh
    ecco chi era a tirarmi i capelli!
    scherzo bella bimba!
    sei preziosa :o)

    Adelia

    RispondiElimina
  18. Complimenti per il tuo traguardo personale ;-) un abbraccio

    RispondiElimina
  19. Ciao Raffaella, ti capisco benissimo sai, anche io ho un piccolo blog ed ogni commento, ogni nuova persona che conosco é un piacere grande.
    Ora mi faccio un giretto per conoscerti meglio ;)
    Alla prossima e grazie per essere passata da me e Gio

    RispondiElimina
  20. ci sono anch'io, complimenti, continua cosi`!

    RispondiElimina
  21. E' molto bello quello che scrivi, Raffaella. Sono anch'io parte di questo universo "imperfetto", purtroppo siamo proprio tanti! Alla prossima!
    La Simo che fa la notte

    RispondiElimina
  22. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  23. Cara Raffaella, grazie a te per per avermi abbracciata schiacciandomi, per la tua foga, per esserti intrufolata nella mia vita...per le cose che dici e come le dici, per le parole di conforto dette nei momenti in cui ne avevo bisogno!
    Un abbraccio enorme! :)

    RispondiElimina