giovedì 13 giugno 2013

A volte tu


Non spaventarti se certe ore non danzeranno mai e certe notti resisteranno ad accadere, se faticherai a trovare Dio e ti sembrerà di non avere orizzonti nuovi, sappi che eri già figlio mio prima di me, che ti ho sognato prima di concepirti e che per te, qualunque cosa.

Non allarmarti se bruceranno turbamento e commozione e la guerra e l’amore insieme ti attraverseranno, strappandoti.

Se tutto sarà uguale e poi tutto diverso, senza capo e senza coda come un animale in cerca di spazio. Se graffi sulla schiena ricorderanno profumi e profili e linee di corpi.

Senza, non è sempre difetto.

Tu, ritroverai te, dentro  passi ogni giorno più certi, dentro giorni ogni ora più stretti per contenerci, più forte e più uomo.

A volte tu mi odierai per la grandezza di un amore cha nessun altra donna potrà superare.

A volte tu.

Tutte le volte, noi.

Eternamente madre, amore mio.

24 commenti:

  1. Ciao Raffaella,
    ieri ho ordinato il tuo libro, aspetto che me lo recapitino a casa tra qualche giorno...e beh sono sicura che non deluderà le attese!
    buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara. Spero ti porti fortuna.

      Elimina
  2. Quanta poesia... sei una mamma speciale tu, non mi stancherò mai di dirlo :***

    RispondiElimina
  3. Sei una mamma dolcissima Raffaella.
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sempre, non quanto dovrei. Imparare a dosare dolcezza e paura, questo il difficile del mestiere. Vedrai...

      Elimina
  4. Eh si, un amore enorme, ingombrante ed unico. Ma siamo noi infondo che gli insegnamo come si ama e come si viene amati.
    Un compito arduo e bellissimo.
    Per quando saranno uomini ed ameranno in modo totale, come auguro al mio ragazzino.
    Di amare, essere amato.
    Gioire, godere.
    A cos'altro serve, una madre?
    Un bacio, cara Raffaella. Anche al piccoletto;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ingombrante ed unico...ti abbraccio amica mia.

      Elimina
  5. Risposte
    1. Mi dovevi sentire oggi dopo l'ennesimo capriccio per vietare uscì prendesse le dita in mezzo alla porta che continuava a sbattere nonostante le raccomandazioni!

      Elimina
    2. Quella è l'ordinaria amministrazione...questa, è poesia...possono ben convivere, no?

      Elimina
  6. Risposte
    1. Dici? Forse un giorno nel mezzo di una tempesta ormonale in piena adolescenza mi manderacacquel paese e dubiterà di me...

      Elimina
    2. Ne dubito Raffella. Con le mamme si litiga ma non si dubita mai di loro e del loro amore. :)

      Elimina
  7. A volte tu mi odierai per la grandezza di un amore cha nessun altra donna potrà superare.

    Ma come si può odiare chi scrive cotanta meraviglia piena d'amore? Io direi che non ti odierà anche perchè l'amore della donna che avrà accanto sarà talmente diverso dal tuo che non si potranno nemmeno paragonare.
    Un abbraccio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che sia una persona bella come te.

      Elimina
  8. Hai reso perfettamente la tensione emotiva dell'amore eterno della maternità. Saremo sempre madri e sempre figli, per questo dobbiamo impegnarci tanto.

    RispondiElimina
  9. Purtroppo non sono mai stata una grande madre, lo devo ammettere in tutta sincerità, ma credimi la tua poesia Raffaella e la presentazione del tuo profilo mi ha letteralmente conquistato...
    Malgrado le diversità, abbiamo della affinità, tanto che sono onorata di iscrivermi al tuo bellissimo blog!
    Spero in tuo ricambio con il mio http://rockmusicspace.blogspot.it/
    Grazie infinite e serena serata!

    RispondiElimina
  10. Mille infiniti ringraziamenti per la tua iscrizione...
    Ora inserisco il tuo bog tra i preferiti!
    Baci e buon lunedì!

    RispondiElimina
  11. Sei sempre poetica... le tue parole sono energia e passione.

    RispondiElimina