martedì 11 giugno 2013

Perché a cadere son buoni tutti ma a cadere con stile, siamo in pochi


Premessa: Non ci piace prendere ordini. Se proprio ci obbligano a far qualcosa, lo facciam marciando.

 

Piazzetta di Monreale, davanti, il Duomo patrimonio storico monumentale arabo normanno candidato a diventare “patrimonio mondiale dell’umanità”.

Scalinata sottostante la piazzetta, con gli occhi gonfi di bellezza ed il cuore pieno di gratitudine, mi parte la scarpetta liscia sullo scalino e scivolo a faccia avanti sul gradino sottostante. Mi giro di scatto verso Daniele che tengo per mano e che, illeso, mi guarda incuriosito e mi chiede:”Mamma osa fai?un-due, un- due?”

Mi alzo di scatto, vedo che non ho niente di rotto, forse l’amor proprio un tantino acciaccato, e mi rialzo. Con stile, appunto.


Nostro compito è marciar

E la giungla attraversar

Non sappiam perché ma ci dicon che

È un segreto militar

È un segreto militar

 

Noi facciamo su e giù

Tra le liane e tra i bambù

Siamo sempre qui, a marciar così

Nasi in fuori e denti in su
Nasi in fuori e denti in su.

19 commenti:

  1. "Attente che è bagnato, si scivola"
    E' stata la gufata più grossa che io abbia mai fatto a me stessa. Una botta che ancora ricordo, soprattutto perchè era davanti a quelli della scuola con più ragazzi di tutta la mia città...che vergognaaaaaaaa però...c'è sempre stato dello stile, anche in quel momento :)

    RispondiElimina
  2. ahi ahi!!!! spero tu ti sia ripresa dalla botta!

    RispondiElimina
  3. hahahahahahhaha in virtù della cospicua quantità di botti e figure barbine che ho fatto nell'arco della mia esistenza ti stringo la mano! :)

    RispondiElimina
  4. Solidarieta' http://erolucyvanpelt.blogspot.com/2011/11/mi-sto-invecchiando.html

    RispondiElimina
  5. ahahaahahahaha mannaggia!
    Il piccolo è stato un conte..
    Occhio che dopo faccia avanti c'è il palo (testato) e con quello l'amor proprio lo saluti, in genere rimane appeso lì, facendo finta di niente, almeno lui.

    RispondiElimina
  6. Bello il duomo di Monreale... ho un ricordo vivido di tanti anni fa.
    Quanto alle figure di m... stasera mi sono chiuso fuori di casa. Per la seconda volta.
    E ho dovuto chiamare il babbo ottantacinquenne con il suo mazzo di chiavi a salvarmi.
    E ho dovuto sopportare la sua risatina....

    Può bastare? :O

    RispondiElimina
  7. hehheheheh ma che bella questa canzone, grazie di averla postata, non me la ricordavo piu'!
    Ma stai bene ora, si?!

    RispondiElimina
  8. Ma non ti sei fatta male vero???

    RispondiElimina
  9. Vedo che colonnello Ati ha colpito anche te!!! ;-))))

    RispondiElimina
  10. Ops mamma osa fai? :) Tutto bene Raffa?

    RispondiElimina
  11. bello cadere, e fare fintadi niente quando ti guardi in giro per vedere se t'hanno vista in molti... :)
    darling

    RispondiElimina
  12. :D sapessi quante volte (al giorno) mi capita! ...

    RispondiElimina
  13. La marcia del colonnello Hathi impera anche da noi, piccoli bimbi marziali crescono :)
    Ho abitato a Palermo per quattro anni, sai? Il chiostro di Monreale è uno dei posti più belli della Terra.

    RispondiElimina
  14. meno male che non capitano solo a me ste cose!

    RispondiElimina
  15. Ahajah...io sono cresciuta li vicino..Terrasini,a Palermo facevo le scuole private magistrale dietro la cattedrale,e Monreale come dimenticare...sotto il sole coccente...mi immagino la,scivolata..stai mangiando arancini:-))

    RispondiElimina
  16. ahahahah io sono sempre per terra!
    come ti capisco

    RispondiElimina
  17. Ahem, parli con una gaffeuse di professione...
    Il duomo di Monreale e' quello dove c'e il Cristo che ti segue con gli occhi, vero?? Bei ricordi...

    RispondiElimina
  18. Ohi, ohi, capitato anche a me!
    Che tenero il piccolino, però!
    Vedrai, non ti ha visto nessuno...aHAHA
    Passato il male, ora?

    RispondiElimina