lunedì 7 gennaio 2013

L'impegno di amare

 
Sono stati giorni densi.

Malgrado il silenzio, vi ho seguito letto, immaginato.

Ho vestito pianti e mandato auguri, stretto cuori e augurato inizi nuovi.

Le emozioni forti denudano come le tempeste e bagnano. E ho dovuto far posto tra le ortiche per far rinascere fiori da una terra bagnata.

Sono rimasta zitta e buona sotto un tavolo da bigliardino perché gli altri non scovassero il nostro nascondiglio e la notte di Natale con il cuore in gola, abbiamo atteso con trepidazione e incanto che l’uomo grasso dal vestito rosso lasciasse i doni per l’uomo piccolo.

Se fosse stato per me, avrei spento le luci e spento il mondo.  Lo avrei accostato a un angolo come un vecchio mappamondo, chiuso le finestre per fermare la vita all’interno. Mi sarei rannicchiata sotto il bigliardino e insieme sarei potuta rimanere così mesi interi. Forse anche anni. Avrebbero potuto ritrovarci così tra cento, mille ere. Senza contorni, indefiniti, ingialliti dal tempo ma perenni alle stagioni e al susseguirsi di altre notti di Natale.

Tracce di amore. Fermo e immobile, eppure fluido come l’acqua che si rinnova.

Ho insegnato nuove parole e ascoltato vecchie promesse, mescolato le carte di un anno nuovo di zecca e lasciato andare cose che torneranno indietro, diverse.

Bevuto bicchieri di sabbia e pioggia e giocato, giocato. Costruito torri di lego e distrutto torri di lego.

E con i sacchi di cemento sulle spalle e i pezzi di lego nelle mani costruito l’immagine di noi, mescolando fatica e gioia.

Innamorarsi è come rispondere a un’immagine improvvisa. Come quando studi e hai un’intuizione illuminante che sembra darti la visione del libro intero. E’ la visione perfetta di come dovrebbe andare la tua vita. Non con tutte le persone che incontriamo, siamo capaci di vedere quell’immagine, non tutte sono in grado di svelarcela. Solo alcune e solo Dio sa il perché.
E allora cominci, amando, a costruire quell’immagine. Giorno dopo giorno.
 
Spesso, nell’intuizione del tuo progetto, vedi anche un bambino.

 E’ bellissima l’idea che hai di lui, bellissimo lo schizzo. Forse è la parte più divertente dell’immagine intera e la più dolorosa quando svanisce.

Ho ringraziato infinite volte perché la tua immagine è la mia realtà, segnato con la matita tacche sul muro che indicano centimetri conquistati e mangiato più di quanto, il mio corpo desiderasse.

E riso e pianto e disfatto un albero enorme decorato a mano.

Piccoli capolavori che vengono da mani fragili e forti.

Non ho propositi, non ho intenzioni, ne giuramenti con croci sul cuore per questo 2013.

Solo l’impegno di amare. Senza garanzie ed assicurazioni.

 

 

 

30 commenti:

  1. anch'io ho fatto tutto ciò. Sono pronta e nuova.
    Ricevuta la mia card?
    baci sandra frollins

    RispondiElimina
  2. Mi riempi di emozioni....grazie!
    Mi è mancata la magia delle tue parole.
    Un bacione

    RispondiElimina
  3. Vorrei non disturbarti mentre siete lì ranicchiati nel rifugio del vostro affetto, ma queste parole che hai scritto sono potenti e emozionano come sempre, sembra che cerchino anche solo una parola, un sospiro.
    Così, silenziosamente, ti lascio un saluto, un buon inizio per un anno per il quale anche io non mi sono augurata alcunché di straordinario. Basta quel che ho.

    RispondiElimina
  4. il tuo impegno mi sembra davvero quello più importante e dovrebbe essere il primo per tutti noi;-)

    RispondiElimina
  5. Raffa sei sempre in grado di far vibrare le corde del mio cuore, della mia anima. Grazie

    RispondiElimina
  6. E' questo il proposito piu' bello quello che tutti dovrebbero fare,un bacio ciao.

    RispondiElimina
  7. Che bel post.
    Come ho scritto da Antonella, possiamo solo impegnarci ad amare.
    Tu lo sai bene, io l'ho capito ora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io lo sto imparando giorno dopo giorno.

      Elimina
  8. Amare senza garanzie ... ho imparato a farlo, ora sono capace. Grazie per avermelo ricordato con così belle parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e a te per condividere le cose che impariamo.

      Elimina
  9. La gioia piu grande sta nel dare amore

    RispondiElimina
  10. Non c'è miglior buon proposito se non quello di voler amare.
    Che poi, tra una sfilza infinita di eventuali altri buoni propositi, credo che quello di voler amare sia tra i più impegnativi e qualche volta anche difficili...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguri cara, tu hai un doppio compito.

      Elimina
  11. Quanta intensità, quanta vita c'è tra queste righe. Ho i brividi. Mi piace il tuo proposito, che poi è anche il mio, quello che mi viene più naturale in questi giorni di grazia e beatitudine. Amare senza riserve e limiti. Amare senza confini fino a dissolversi nell' amore assoluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E la vita ti risponderà Nina bella.

      Elimina
  12. che bel post raffaella! Voglio provarci anche io ad amare la vita e quello che mi da', anche se fa male continuare a volergli bene.Ci provo, poi la odio, poi la amo. Poi amo tutti quelli che ho intorno, poi vorrei sparire. Per me sono giorni strani questi di inizio anno, mi sembra di aver perso tutta la forza che ho avuto sino ad ora. Ma forse fa parte di un passaggio obbligato. Grazie per le belle parole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse si Silvia, forse è normale sentirsi così. Stai facendo un ottimo lavoro.Sii fiera.

      Elimina
  13. io amo immensamente la mia famiglia, devo trovare il giusto equilibrio per non essere totalmente annullata in essa. Mi impegnerò per questo :)

    RispondiElimina
  14. anche io passo giorni di amore intenso a giorni in cui vorrei sparire e starmene da sola...
    bellissime parole...

    RispondiElimina
  15. Buon anno, allora.
    Non potrà che essere buono, con queste premesse.

    Susibita

    RispondiElimina
  16. Questo post è un Inno alla Vita!! Buon duemilaCredici tesoro :***

    RispondiElimina
  17. Poetica come sempre! Direi che amare è un bell'impegno...

    RispondiElimina
  18. un'illuminazione improvvisa, di quelle che stracciano l'ombra e la fanno a pezzetti: ti auguro che ne collezioni a mazzi, questo tuo 2013

    RispondiElimina