domenica 10 febbraio 2013

Il fatto quotidiano

È dopo panorama.it www.ilfattoquotidiano.it.

17 commenti:

  1. complimenti, bellissimo articolo!

    RispondiElimina
  2. Uh evviva evviva!
    ho appena commentato alla solita furbona che dice: pòerche' non adottate anziche' accanirvi con l'eterologa. Cacchio ma son dure a morire ste idee eh - meno male che ora il tuo libro fara' il suo viaggio e forse aiutera' a cambiare qualcosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quell'anonima è un'istigazione alla violenza! (Chissà perchè poi parecchie "perle di saggezza" vengono da anonimi!) Anche a me il capitolo sull'eterologa ha fatto venire i lucciconi agli occhi. Ho deciso: Una copia del libro di Raffaella la regalo al Gine-Guru. So che anche lui apprezzerà :)))

      Elimina
    2. oooh ideona! Liberiamo il libro in giro per la citta'!

      Elimina
  3. complimenti raffaella, mi sono astenuta dal commentare. Come al solito si é sollevato un bel polverone.. se solo la gente si scaldasse così tanto anche per il debito pubblico.....

    RispondiElimina
  4. Le cose importante è bene che siano divulgate ovunque!! BRAVAAAAAAA

    RispondiElimina
  5. Letto!!! Anche se molti signori anonimi dei commenti, sarei curiosa di vederli in viso.

    RispondiElimina
  6. ecco adesso c'ho il dubbio se andare di là a incavolarmi leggendo i commenti, o andare di là (in cucina) a mangiarmi dolci di carnevale.
    Brava Raffa brava bravaaaaaaaaaaaaaaaa sandra

    RispondiElimina
  7. MMMMMMhhh! Frappe e castagnole vs commenti anonimi!
    Io, ovviamente, devo adottare la linea del non commento, perchè quello che avevo da dire l'ho già detto nel libro.
    E, del resto, purchè si parli con cognizione di causa e l'informazione sia corretta, civile e scevra da giudizi precostituiti, per quanto mi riguarda, ognuno ha il diritto di esprimere liberamente la propria opinione; certo, sentir commentare un libro da gente che non lo ha nemmeno letto (e questo si capisce chiaramente) mi da un po' di fastidio, ma fa parte del gioco e me lo aspettavo.
    Un tempo sarei saltata alla giugulare davanti alle schiocchezze, oggi volto le spalle e vado avanti più sicura delle mie scelte.
    Grazie ragazze del vostro sostegno.

    RispondiElimina
  8. uffi questo pomeriggio ho commentato ma non c' è il mio commento.. volevo semplicemente ringraziarti di aver dato voce al nostro dolore, ho letto l' articolo con un brivido nella schiena e le lacrime agli occhi di chi può capire in pieno il significato di quelle parole! un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Hai ragione, certi commenti ci sono sempre e non si capisce perché ... non è brutto avete idee diverse e confrontarsi, alcuni toni però vanno oltre.
    Brava Raffaella che fai parlare la tua storia e il tuo libro, bastano eccome!

    RispondiElimina
  10. Grande, Raffaella, ovunque si parla di te! E chi ti ferma più?

    Un consiglio... nel post metti questo link: http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/02/09/lettera-a-bambino-che-e-nato-duro-viaggio-della-fecondazione-assistita/494418/ quello che hai messo tu è generico e tra qualche giorno non consentirà più di rintracciare direttamente l'articolo riferito al tuo libro.

    Ora vado a leggere l'articolo.

    RispondiElimina
  11. Complimenti, so cosa vuol dire sentirsi diverse, ma so anche che tutto questo ci rafforza!
    Comunque hai ragione gli uomini soffrono come noi...
    Grazie. Come dico io: "Se non si parla di qualcosa è come se non fosse mai accaduta!"
    Eli80

    RispondiElimina
  12. Ciao Raffaella, ho visto il tuo messaggio, grazie dell'apprezzamento!
    Si sarei felicissima di rimanere in contatto con te, tu hai la mia mail (nel blog c'è), caso mai scriviamoci direttamente lì! Aspetto tue notizie!
    Un abbraccio e in bocca al lupo per tutto!
    Eli80

    RispondiElimina