martedì 18 dicembre 2012

Il testimone


Loro camminano. Lui ogni tanto si gira e la guarda, lei lo oltrepassa con un amore nuovo che pensavo, sbagliando, fosse destinato solo a me, sua figlia.

Hanno sguardi pieni e colmi di una reciproca consapevolezza: Lei, è per lui certezza, Lui è per lei futuro e amore e domani. Intorno, tutto e niente, loro si bastano. Loro giocano e ridono e si perdono tra la costruzione di nuova memoria e la pila dei ricordi vecchi che si fa gradino su cui appoggiarsi per crescere. Lei gli parla, gli racconta, inventa sogni e storie che ho già sentito o solo immaginato. Lui ride sereno e ritrova in lei parti di me. Parti familiari, morbide e calde come la brace. Sono nodo e sono viluppo. Sono occhi negli occhi, attimi irripetibili, frangenti di amore che restituiscono il tempo che non torna e lo congelano nel sempre.

Vorrei che lui ricordasse ogni cosa dei momenti passati con la nonna e che quel “per sempre” gli bastasse quando lei non ci sarà più, quando avrà bisogno di cercarla e di trovarla in se stesso.

Per lui, Lei ha fermato la vecchiaia, spolverato la fantasia, ha reso giovani ossa e animo, per lui, lei è più bella che mai.

Mi commuovo guardandoli camminare.

Lui si volta dal passeggino e la guarda e ci vede dentro il mare e le stagioni che per lui non passano e sa che lei c’è.

Quando cade.

Quando ha paura.

Quando lo va a prendere all’asilo e lui le corre incontro piangendo dall’emozione e sembra dire agli altri bimbi: vedete, vedete come è bella mia nonnina, lei mi prende e mi porta via di qui. A casa, tra le sue braccia, a casa tra le mie radici.

Dove niente è dolce come il suono della sua voce, niente profuma come l’albero che ha fatto per me.

Lei c’è.

Lei aveva chiesto agli angeli di mandarle il bambino più bello, chissà se lui aveva chiesto la nonna più dolce.

Lei c’è.

Quando io non ci sono. Come un mio prolungamento, una roccia che travalica anche me. Oltre me.

E lui è dentro ogni suo pensiero. E lentamente i gesti, le parole, i sentimenti si fanno passaggio, lui terminerà quello che lei ha iniziato.

Occhi negli occhi. Occhi di lui che vede cose mai viste, occhi di lei che attraverso lui vede cose che non vedrà.

Grazie mamma per essere la nonna di mio figlio, tuo nipote.

Questo post partecipa all’iniziativa di Il bambino di Donna Moderna "Il ruolo dei nonni".http://bambino.donnamoderna.com/blog-tank/

31 commenti:

  1. Che bello!
    Anche noi abbiamo la stessa fortuna.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono fortune preziose le nostre. Godiamocele.

      Elimina
  2. tanto per cambiate, mi hai fatto commuovere. i miei bimbi purtroppo non hanno conosciuto la loro nonna materna, ma sono certa che nei sogni giocano insieme ogni notte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio bimbo ha un nonno e una nonna presenti e meravigliosi, poi lassù in cima al cielo, ed insieme alle stelle, c'è lui l'Angelo Custode, marito dell'Ipernonna e presente come se fosse ancora qui. Un abbraccio

      Elimina
    2. Mio figlio non conoscerà mai ne mio padre ne il padre di suo padre. Almeno non su questa terra.

      Elimina
  3. Mi fanno commuovere queste parole sui nonni speciali.

    RispondiElimina
  4. Hai fatto commuovere anche me, perché penso al ruolo vitale che ha avuto mia nonna per me, a quanto mi manca. E poi a come Palletta saluta entusiasta la sua nonna, il saluto più caloroso che gli ho visto. Spero che anche lui possa avere questa ricchezza il più a lungo possibile.
    Clara V

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me emoziona leggerti qui.
      Spero anche io, per me e per lui, che goda di questa ricchezza il più a lungo possibile.

      Elimina
    2. Ma così mi fai diventare rossa!
      Clara V

      Elimina
  5. mi hai fatto commuovere. anch'io ci penso spesso..chissà se si ricorderà di tutto questo amore che ha ricevuto..chissà. Nel frattempo li vedo felici di questo nuovo amore ed è fantastico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero che i bei ricordi sedimentino fino diventare parte di lui.

      Elimina
  6. ....beh che dire ....che mi hai fatto piangere...che mi hai fatto venire la pelle d'oca....che ho quasi visto gli occhi di tua madre dal tuo racconto!!!...bellissime parole...scritte con l'anima e con il cuore in mano....io non so' cosa vuol dire avere un figlio....ma so' cosa vuol dire esserlo....e ti posso assicurare che tutto rimane dentro di noi, da quando siamo piccoli a quando un giorno saremo diventati grandi....un abbraccio, una carezza, un bacio....tutto rimane lì nel nostro cuore....
    un grande abbraccio!!!
    irene

    RispondiElimina
  7. veramente poetico, complimenti! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crdo che la poesia sia nelle cose belle e vedere questi legami mi fa pensare a tanta bellezza.

      Elimina
  8. A me manca tantissimo la mia di nonna, anche se sono passati già 20 anni da quando è volata via. Ma la ritrovo nella voce, nei gesti, nelle parole della mia mamma e nell'amore infinito che nutre verso i miei bambini...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E così dovrebbe essere. Un lento passaggio di testimone.

      Elimina
  9. bello, noi abbiamo tutti i nonni e li amiamo alla follia

    RispondiElimina
  10. I nonni sono una fonte di ricchezza e sostentamento morale incredibile e tu mi hai fatto venire il magone ti abbraccio

    RispondiElimina
  11. Oddio davvero che emozione! Quanta attesa anche per questi nonni...
    Che bella l'immagine della brace, sie proprio brava con le parole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sfolli grazie. La brace è calda, rossa, fa calore senza bruciare.
      Baci

      Elimina
  12. Il mio D. è fortunato, ha pure due bisnonni, i genitori di mia mamma. Quando lo vedo insieme ai nonni vedo questo ponte tra le generazioni, un ponte d'amore che mi fa spesso commuovere, come il tuo post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello il ponte d'amore. Bellissimo Robin.

      Elimina
  13. ...beh la mia SuperNonna è la mia luce...
    ed ho 27 anni altro che bambina

    RispondiElimina
  14. ripensandoci, non ho avuto un rapporto particolare con i miei nonni (anche perchè due non li ho mai conosciuti).. ma ciò non mi impedisce di sentire quanto è bello questo post.. ciao

    RispondiElimina
  15. i nonni sono davvero una cosa meravigliosa! e io ho la forntuna di averne ancora di 83 anni che stra-adoro e vorrei vedere più spesso. I nonni dello gnappo sono tutti lontani ma lui li ama tanto e grazie a skipe ha un appuntamento quotidiano con loro e ci passa almeno un'ora.

    RispondiElimina
  16. Tu non sei solo una blogger, la tua è poesia pura.

    RispondiElimina
  17. grazie
    ho gli occhi lucidi
    e il cuore che batte forte
    Adelia

    RispondiElimina
  18. Ti capisco perche' anch'io ho la fortuna di avere i miei che fanno i nonni a tempo pieno e x i miei figli sono una figura insostituibile!!

    RispondiElimina
  19. Un post davvero tenero. Avrei voluto anch'io avere una nonna così, ma quando sono nata erano già morte entrambe.
    Sei sempre commuovente, Raffaella, nei tuoi post!

    RispondiElimina