lunedì 17 dicembre 2012

La dolce vita


Torno al mio lavoro, alla mia routine, alla mia vita, al mio blog, dopo due giorni di ferie e un week end nella capitale.

Dopo tanto, tanto tempo, ci siamo concessi un mini viaggetto a Roma.

Abbiamo girato in lungo e in largo per le vie di Roma, con il naso all’insù e con la cartina in mano come tre turisti per caso. Uno grosso, l’altro piccolo e in mezzo, io. Ex piccola, tendente al grosso!

E’ stato stancante, faticoso ma bellissimo. Perché prendere al volo un treno, anche se percorre poca distanza, immergersi in una realtà diversa dalla propria, dormire sotto coperte diverse, rinvigorisce il cuore, a volte. Alimenta sogni sbiaditi, colora di rosso e di porpora.

Dimentichi a casa i problemi, appendi nell’armadio le cose a metà, ti rilassi e percorri ciottoli non tuoi. Roma trasudava opulenza dietro lo sfarfallio delle luci degli alberi di Natale, quell’opulenza tipica dei nobili in declino. Di quelli che si sono giocati tutto nella vita e gli resta solo il titolo, per poco ancora.

Si è messa su il vestito più bello, quello delle feste e come la migliore delle first lady, ha giocato la sua parte. Bellissima, pigra, esagerata. Fuma una lunga sigaretta dal bocchino retrò.

Abbiamo passeggiato tanto, troppo, lungo le vie, sotto una pioggia che lavava le incoerenze di un anno bislacco. Anche lui stancate, sfiancante, irripetibile.

Passi lunghi i nostri e brevi i suoi, occhi pieni e risate dietro ai finestrini del treno.

Sonni profumati e palazzi barocchi e mercatini e fontane e bellezza e il primo incontro con un Babbo Natale rimasto incantato dalla specialità di un bimbo meraviglioso.

I saltelli su di un letto diverso, la bocca spalancata per un museo.

Mi ero dimenticata che si può ridere davanti ad una birra, mi ero dimenticata l’eccitazione nascosta in un trolley, l’acido lattico nelle mie gambe dolenti e quanto amo viaggiare e tornare.

Per ora è stato solo un week end ma domani potrebbe essere un deserto, un oceano, una lingua di terra vicina alla fine del mondo, con l’inizio nel cuore.

P.s.

Per chi è in zona, vi consiglio di visitare le Domus romane di palazzo Valentini http://www.palazzovalentini.it/index.php?lang=ritrovate nel palazzo della Provincia di Roma. Un viaggio attraverso il tempo reso possibile grazie alla ricostruzione multimediale e alla tecnologia. Bellissima esperienza. Della serie, quando la divulgazione diventa cultura e l’arte accessibile a tutti. Perché la bellezza non sia appannaggio solo di alcuni ma un inno alla vita in tutti i suoi sensi.

26 commenti:

  1. che belle parole, vi ho seguiti con l'immaginazione.

    RispondiElimina
  2. Bello quando si riesce a "staccare" :)

    RispondiElimina
  3. A volte basta poco per ritrovare un po' di quell'entusiasmo che ci sia persi per strada. Roma poi e' stupenda e trasuda storia e magia in ogni angolo. Noi questo week end, abbiamo fatto un percorso inverso: ed abbiamo accolto due romani in fuga!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ah. Anche i processi inversi sono viaggi!

      Elimina
  4. Due giorni da turisti spensierati; e grazie, leggendo il post, ho vagato anch'io per la Roma natalizia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Marcella, è sempre un piacere vederti da queste parti.

      Elimina
  5. Risposte
    1. Ti auguro di tornare dove sogni di stare.

      Elimina
  6. io amo roma e tu l'hai descritta perfettamente... viaggiare fa bene, al cuore, alle gambe, agli occhi, allo spirito, alla coppia, alla famiglia, al mondo...

    RispondiElimina
  7. che voglia di viaggiare mi hai fatto venire :)

    RispondiElimina
  8. anche io e il piccoletto ci siamo dati ai giri romani questo week end! è vero che ha Roma percorri chilometri su chilometri senza nemmeno accorgertene e sempre con il naso all'insù;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai? Chissà se ci siamo incrociate! Chissà...magari un'altra volta potremmo andarci insieme.

      Elimina
  9. Ho lontani ricordi di bambina di Roma vestita da festa. Che magia!

    RispondiElimina
  10. e con i sanpietrini, com'è andata ?

    RispondiElimina
  11. oh, ma io credevo che tu abitassi a Roma... non ne azzecco una.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti sei sbagliata di tanto...sono ad un'ora da Roma. Città di provincia, nel cuore d'Italia.

      Elimina
  12. Dovevamo andare a roma 4 anni fa di questi tempi... Io incinta di un mese della secondogenita: all'aeroporto abbiamo avuto la notizia di un ritardo di piu di tre ore del nostro volo causa alluvione romana e non siamo piu partiti. Da allora sogno di andare a roma, che non vedo da 8 anni! Dovrebbero fare una legge: andare a roma almeno una volta l'anno, pena una multa salatissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potremmo estendere la multa anche ad altri luoghi, no?

      Elimina
  13. Ci servirebbe proprio un fine settimana a naso in su ... Roma è perfetta sotto Natale! Ci passo per lavoro talvolta ma non me la godo da circa 9 anni, mi manca.
    Belle sensazioni dentro e fuori, credo vi serviranno per affrontare in modo ancora più sereno questo periodo tanto magico.

    RispondiElimina
  14. Io ero a Roma il weekend prima! Sai che a Palazzo Valentini c'era anche la mostra fotografica di Shoot4Change, l'organizzazione no profit per la quale scrivo, con anche un mio racconto in ricordo del terremoto dell'Emilia che accompagnava le foto? L'hai vista per caso?:-)

    RispondiElimina