lunedì 26 novembre 2012

Magari


Ieri è successa una cosa che mi ha fatto pensare a come, le persone che si reputano amiche nel più profondo del significato del termine, si possano perdere nei periodi di svolta delle proprie vite.

Perché l’amicizia è una cosa strana. Ha i pregi dei legami e degli affetti sinceri, non prevede l’esclusività affettiva, non ha le problematiche legate alla componente sessuale, ma sconta come tutti i sentimenti, la fragilità dei cuori.

Parlo di quell’amicizia con la A maiuscola, quella il cui grado di intimità reciproca è paragonabile solo a quella di una coppia unita, a quei rapporti continuativi nel tempo che rendono le persone che li vivono simili, al punto di confondersi l’un l’altro, che arrivano a stabilire vicinanze emotive che sono doni.

Si tratta di quegli amici che condividono con noi ogni momento, ogni sogno, ogni turbamento, con i quali procediamo lungo gli stessi binari, dritti, precisi, senza mai curvare. E le loro emozioni sono le nostre, i loro affanni ci fanno palpitare, i loro successi, gioire.

Sono gli amici che reputi fratelli o sorelle, quelli con i quali probabilmente in un’altra vita eravamo parenti. Che ti dicono quello che sei, quello che potresti essere, quello che è meglio che non diventi. Che stanno lì nel bene e nel male, che non ti mollano nelle perdite, negli abbandoni, ti sorreggono, ci sono. Nei giorni sì, in quelli no, in quelli così e così. Non a intermittenza, non a fasi alterne.

Ci sono e basta.

Sempre.

Contribuiscono alla costruzione metodica delle tue parti, nessuna esclusa. E in quelle parti si mescolano i loro elementi, in un groviglio di contaminazioni.

Poi accade che, per uno dei mille motivi che arrestano i percorsi e i viaggi intrapresi insieme, uno dei due resti indietro. Succede che uno viva delle esperienze che toccano la sorte solo di uno dei due. Succede che un legame, un trasferimento, un’unione, una maternità, un innamoramento ci allontani irrimediabilmente. E quello che non avresti mai pensato possibile, succede. Capita che ti separi, ti discosti. Ti trovi talmente altrove rispetto all’idea di amicizia che ti legava a quella determinata persona, da esserne ferito, disorientato, solo. E non sai neanche il motivo per cui solo fino a ieri avresti potuto giurare che meglio di lei, di lui, nessuno al mondo ti conosceva. Perché è con lei/lui che hai pianto per un amore finito, per quella volta che hai creduto di esplodere dalla felicità, perché è lei/lui che ti conosce come e meglio di tua madre. Perché a lei/lui hai detto cose che nessuna madre saprà del proprio figlio.

Eppure, malgrado l’amore, l’affetto, la stima o il rispetto che ci lega, ci si può allontanare anche dal proprio miglior amico. Catapultarsi reciprocamente dall’altro lato del globo e perdersi nella distanza. Perché gli amici, sbagliano. Perché io mi farei ammazzare pur di non ferire un’amica, la sua famiglia diventa la mia, perché lei è la mia famiglia, animali inclusi. Ma come dice Barbara, http://pezzodicuore.blogspot.it/2012/04/stand-by-me.html“gli amici sono persone e in quanto tali fallibili e se ci si fa male a volte non lo si fa apposta, o non si voleva o non si è potuto fare altrimenti”, oppure si è stati superficiali, poco attenti, distratti.

Ma in virtù dell’amicizia, non si può passare sopra a tutto. Non si può credere che tanto lei o lui capiranno, perché è sempre stato così, perché chi ha più buon senso lo adoperi, perché sono io che in questo momento ho più bisogno e lei/lui dovrebbe capire.

A volte capire non basta.

 

“Non passa senza passarci insieme, se ci si ferisce senza accorgersene, se si manca senza rendersene conto, se si calpestano involontariamente (a volte solo per noncuranza) sentimenti ed emozioni, bisogna riconoscerlo, bisogna imparare a dire "mi dispiace" e "come stai?" e "posso fare qualcosa per rimediare?.

“Perché l'amicizia ha un grosso vantaggio sull'amore: è una minestra che riscaldata, può anche essere più buona”.

Forse.

O forse bisognerebbe tramutarla in altro. Perché quello che era difficilmente torna come prima.

Bisognerebbe capire come era fatta questa minestra.

Magari basta togliere il brodo e farne una frittata.

Magari riscaldandola basta aggiungerci dei crostoni di pane.

Magari.

 

 

 

 

32 commenti:

  1. Risposte
    1. Se me o dici tu, finisco con il crederci.

      Elimina
  2. io preferisco sempre allontanarmi
    tenere i bei ricordi prima di arrivare allo scontro
    che cancellerebbe l'amicizia che c'è stata.
    sparisco così
    senza apparente motivo
    quando ho sentore che la tempesta stia per arrivare.
    per amicizia
    hai ragione
    non si può passare sopra a qualunque cosa.
    un abbraccio
    Adelia

    RispondiElimina
  3. Anche io faccio così Adelia. Non dico cosa mi ferisce, perchè credo che chi mi conosce dovrebbe capirlo. Poi però, passo dalla parte dl torto perchè non si comprende il mio allontanamento. E pensano che sia strana perchè sono stanca.
    Io lo lascio credere...

    RispondiElimina
  4. ti invidio solo per il fatto di averla conosciuta un'Amicizia del genere.
    io non ho mai potuto permettermela, un'amicizia così. e così non ho potuto imparare a coltivare un'amicizia.
    ti invidio.
    che la minestra si possa o no riscladare e trovare un sapore come o meglio di prima, è bello che tu possa aver potuto assaporare una minestra del genere.

    RispondiElimina
  5. Forse hai ragione. Le amicizie sono doni e come tali dovremmo accettarli senza porci tanti problemi consci della ricchezza di certi incontri, indipendentemente dagli epiloghi. Il problema è che uno mette molto nei rapporti,da il meglio di se e quindi la delusione è proporzionale al grado di affetto.

    RispondiElimina
  6. Io ero come te, fino a poco tempo fa, e ho imparato a mie spese, forse anche come forma di difesa, a "prendere" ciò che ogni amico può "dare" senza pretendere nulla in cambio... però mica è facile!

    RispondiElimina
  7. Si hai ragione, non sempre l'amico deve capire, non sempre quello che sbaglia deve essere giustificato ed è' inevitabile che se c'è un distacco, difficilmente tutto tornerà come prima ma ciò non vuol dire che quello che c'è sato finora, non sia vera amicizia o vero sentimento. Semplicemente la vita scorre e ci porta in direzioni diverse. Dico questo perché mi è capitato, e tutti prima o poi, abbiamo a che fare con un'amicizia che inspiegabilmente finisce, però so, e ne sono certo perché è il cuore che me lo dice, che finché c'è stata, era un'amica vera!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, la vita scorre e ci porta in direzioni diverse. Poi magari ci si incontra di nuovo. Magari, appunto.

      Elimina
  8. Che bel post!
    Io ho una sorella scelta, a volte ci siamo allontanate senza motivi particolari e poi ci siamo ritrovate più forti e complici. Siamo amiche da ventisei anni.

    RispondiElimina
  9. Spiace, non sono a favore delle minestre riscaldate. Che siano amori o amicizie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In linea di massima neanche io, poi la vita impone, a volte, dei piccoli compromessi.

      Elimina
  10. I rapporti, siano amicizia o convivenza, vanno coltivati e curati giorno per giorno, con costanza, da entrambi.

    Ed entrambi devono aver la capacità di comprendere l'altro, e perdonare i suoi errori, sperando che questo aiuti a far perdonare anche i propri.

    Se questo non succede, è la vita che scorre. Talvolta è come un isola nel fiume, che separa due vene d'acqua per un po', e poi queste si ritrovano. Altre volte invece si è nel delta, e i rami non si incontreranno più, se non per caso, nel mare.
    That's life!

    RispondiElimina
  11. L'amicizia con la A maiuscola, un'ideale che nelle manifestazioni reali diviene sempre imperfetta.
    Fa parte del gioco, delle fasi della vita, la senti forte meno forte, assidua o incostante. Ma come tutte le cose della vita può nascere e trasformarsi in qualcos'altro.
    Diciamo che mi sono dovuta arrendere all'evidenza e convincermene per non soffrire troppo davanti le inevitabili delusioni.
    Poco male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stessa cosa per me Valeria, quoto in pieno.

      Elimina
  12. Ma cara Raffaella, tu mi leggi nel pensiero. Oggi pensavo anch'io all'amicizia e mi sono riletta questo mio post e me ne sono scritta un altro in testa, che adesso metto giù.
    Sai che mi è piaciuta la storia della frittata, meglio della minestra riscaldata, meglio rovesciare proprio tutto.
    Oppure, se non ne vale la pena, lasciar perdere, ma è sempre così difficile per me....

    RispondiElimina
  13. Ci ho scritto sopra qualche post fa proprio perché a me sta capitando in questo periodo di mangiare una minestra riscaldata (o forse adesso è una frittata ... belle queste metafore!) e devo dire che non mi dispiace affatto.
    Ovvio che l'intimità del passato non si potrà ricreare ma una grande amicizia ha sempre qualcosa da regalare se si riesce a sospendere il giudizio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sospendere il giudizio, mi piace l'idea ma un conto dirlo un conto riuscire a farlo.

      Elimina
  14. c'è da dire, a parer mio, che un'amicizia non può vivere solo ricordando la gloria passata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No va costruita, alimentata, sorretta. Hai ragione Sandra.

      Elimina
  15. Non sono in un periodo facile e/o felice per quanto riguarda l'amicizia, ne ho perse diverse ultimamente e ci ho sofferto, pero' quello che ho vicino sono solidissime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono anche quelli virtuali, no? Mi piace pensare a voi come nuova ricchezza interiore.

      Elimina
    2. Assolutamente sì! Evviva le amiche blogger! Ehm confesso che più di una volta ho avuto voglia di prendere e partire x conoscervi di persona ;-)

      Elimina
  16. Le amicizie quando finiscono fanno davvero male. Quelle vere non dovrebbero finire mai, ma, aimè, succede. Rimettere insieme i pezzi di strade percorse insieme e poi interrotte non è semplice. A volte si dubita che tutto ciò che si è passato insieme non sia mai stato davvero reale e meraviglioso e si teme che la spada di Damocle del tradimento fosse sempre stata sopra la nostra testa senza che ce ne rendessimo conto. Accettare che le cose belle finiscano è difficile e porta a chiudersi in se stessi e non accettare più le cose belle perché ne portano con sé di brutte. Come ogni ferita dell'anima, non sempre un'amicizia tradita si può rimarginare. Anche il perdono a volte non basta.

    RispondiElimina
  17. Io mi sono commossa. Con questo post mi hai abbracciata, senza volerlo.
    Grazie, me lo salvo. Nel pc, e nel cuore.

    RispondiElimina
  18. Bellissimo post! mi hai ricordato il mio rapporto con un'amica. Un legame fortissimo che purtroppo ha rischiato di deteriorarsi perché la vita aveva messo entrambe davanti a delle scelte. Per fortuna l'amicizia ha vinto su tante difficolta e incomprensioni e ci siamo ritrovate. Ma non è stato un bel periodo... Tuttora siamo lontane e chissà quando ci rivedremo...

    RispondiElimina
  19. Io ho recuperato un'amicizia (che prima forse non era nemmeno tale) a distanza di 10 anni. Ci siamo riscoperte e ci siamo conosciute di nuovo. Bellissimo!!

    RispondiElimina